Il castello dei sogni

Il castello dei sogni

20 maggio 2024

L’opera d’arte murale “II castello dei sogni” nasce dalla collaborazione tra la Scuola Primaria e dell’Infanzia Gianni Rodari di Firenze Rifredi – nel Quartiere 5 – e lo street artist Dolce Katone, a cura di Street Levels Gallery

Una parte importante di questo progetto artistico è stata il trasporre i disegni creati dai bambini in un’opera complessa e colorata che ne trasmettesse l’aspetto fanciullesco e fresco. Dolce Katone ha adottato una grafica morbida e ondulata, dai colori vivaci e fiabeschi, per interpretare il tema del sonno e del desiderio; una fanciulla è addormentata; il suo corpo è coperto dal manto erboso e lei riposa serena. 

Il grande murales, largo più di 12 metri, è un gigantesco invito ad affermare se stessi e credere nei propri sogni; la sua realizzazione si è arricchita della partecipazione dei bambini, i diretti interessati di questo forte messaggio di fiducia. L’artista e i bambini hanno collaborato alla creazione di una raffigurazione onirica e incantevole, che trasmette per colori e tema gioia e speranza. 

Dolce Katone è un artista che per natura cerca il dialogo con gli altri – in questo caso i più piccoli – coinvolgendoli non solo nel primo processo creativo, ma finanche alla stesura dell’opera definitiva, ascoltando i loro sognanti suggerimenti e corredandoli di citazioni letterarie ispiranti. 

 

Questo muro ha come obiettivo quello di divenire un promemoria per un futuro da ricercare, sognare e costruire; gli elementi dipinti, scelti oculatamente, nel caso dei libri alludono ad una ricerca di elevazione sempre auspicabile, mentre il castello imponente si staglia tra le nuvole diventando un simbolo di un’ambizione incontrastabile.

ABOUT THIS PROJECT

ABOUT US

Viale Corsica 2, 50127 Firenze (FI), Italia

ALTRO

Mostra tutti

Exhibitions

Dinosauria 2024

Public Art

Il castello dei sogni

Exhibitions

The Journey is Everything

Exhibitions

Different Might Be Everything

Public Art

The Human Kind

Exhibitions

Silly Objects

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *