Urto

ARTISTI

Urto

Il blu è uno stato d’animo, profondo ed
elementare; nella ricerca artistica di
Urto si dimostra necessario nella resa
sintetica e lucida della sua poetica
intima, primitiva, meccanica.

DISPONIBILE SU STREET LEVELS GALLERY

Prossemica

Artworks

Artworks

Prossemica

400,00 Disponibile
Il re nudo

Artworks

Artworks

Il re nudo

500,00 Disponibile
Ubi maior minor cessat

Artworks
700,00 Disponibile
Equilibrio precario

Artworks
400,00 Disponibile
Esaurito
Un'unica cosa

Artworks
800,00 Sold
Coscienza

Artworks

Artworks

Coscienza

1.500,00 Disponibile
Tigre

Risograph

Risograph

Tigre

40,00 Disponibile
Maschera 123

Artworks

Artworks

Maschera 123

500,00 Disponibile
Prossemica

Artworks

Artworks

Prossemica

400,00 Disponibile
Il re nudo

Artworks

Artworks

Il re nudo

500,00 Disponibile
Ubi maior minor cessat

Artworks
700,00 Disponibile
Equilibrio precario

Artworks
400,00 Disponibile
Esaurito
Un'unica cosa

Artworks
800,00 Sold
Coscienza

Artworks

Artworks

Coscienza

1.500,00 Disponibile
Maschera 123

Artworks

Artworks

Maschera 123

500,00 Disponibile
Luce e ombra

Artworks

Artworks

Luce e ombra

370,00 Disponibile
Tigre

Risograph

Risograph

Tigre

40,00 Disponibile
Scopri tutti i lavori disponibili

BIOGRAFIA

About Urto

Con la scomposizione del blu, Urto trasferisce sulla tela e sul muro la propria emotività, insieme a un sapore vagamente nostalgico per la città che, nel 1987, gli ha dato i natali, Catanzaro.

A cavallo tra il writing e il figurativo, Urto è istintivo nell’ascoltare il richiamo esistenziale del mare. Un mare di pesci deformati da tre occhi, sintomo di una mutazione genetica che condanna la violenza dell’intervento umano. Un mare di stelle, materia primigenia che ci compone, ci appartiene, della quale siamo figli lontani. Un mare che, nel bel mezzo della sua evoluzione artistica, rimane appannaggio delle sole tonalità monocromatiche perdendo il riferimento simbolico.

Il background in visual design ha registrato nell’occhio dell’artista un gusto identitario per il tratto grafico e un’estetica per la geometria delle forme. Nella sovrapposizione dei piani di colore tridimensionali, i suoi soggetti – questa volta, umani – trovano una nuova leggerezza nel gioco di trasparenze e opacità, avvicinandosi a un immaginario cubista asciugato dall’essenziale più sincero.

© Asia neri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *